Blog

Il Tar della Regione Lombardia con sentenza n° 2065 del 2018, ha deliberato sulla installazione dell’ascensore in condominio in assenza di permesso di costruire.

Ascensore in condominio anche senza permesso di costruire

installazione ascensore condominio

Il Tar della Regione Lombardia con sentenza n° 2065 del 2018, ha deliberato sulla installazione dell’ascensore in condominio in assenza di permesso di costruire.

Il Tar sostiene che l’orientamento giurisprudenziale è da tempo concorde nel ritenere superfluo il permesso di costruire: l’ascensore infatti non è una costruzione vera e propria ma piuttosto un vano tecnico tramite il quale si apporta innovazione allo stabile.

Resta invece necessaria l’approvazione in assemblea, da perfezionarsi con la maggioranza dei condòmini, come precisato nel TU dell’Edilizia. In caso di deliberazioni in assemblea che riguardino l’abbattimento delle barriere architettoniche in edifici privati, l’approvazione dell’assemblea di condominio è imprescindibile. La situazione è identica anche nel caso di realizzazione di percorsi attrezzati per favorire la mobilità dei ciechi.

Tuttavia, se in assemblea la delibera non raggiunge la maggioranza di voti utile all’approvazione, il portatore di handicap o il suo eventuale tutore possono presentare richiesta per iscritto. Se la richiesta non produce alcun esito, è facoltà dell’interessato installare a proprie spese una struttura alternativa che adempia allo scopo (servoscala o struttura mobile rimovibile).

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.