Blog

Condominio senza amministratore: come è regolato?

condominio senza amministratore regolamenti e obblighi

COME FUNZIONA

La riforma del condominio ha modificato l’articolo 1129 del Codice Civile, aumentando da quattro a otto il numero minimo di condomini per i quali non è obbligatoria la nomina dell’amministratore: “Quando i condomini sono più di otto, se l’assemblea non vi provvede, la nomina di un amministratore è fatta dall’autorità giudiziaria su ricorso di uno o più condomini o dell’amministratore dimissionario”.

Nel condominio senza amministratore è quindi necessario individuare una figura di facente funzioni, un mandatario dei condomini che si occupi della gestione del fabbricato, come saldare le fatture dei fornitori, incassare le quote, rendicontare le spese.

CODICE FISCALE

Dal 1° gennaio 1998, inoltre, il condominio è ritenuto sostituto d’imposta, di conseguenza vi è l’obbligo di richiedere all’amministrazione finanziaria il codice fiscale del condominio.

Il condominio, è tenuto a operare la ritenuta d’acconto sulle somme erogate a taluni soggetti. In mancanza di un amministratore, il mandatario designato dovrà:

  • applicare le ritenute d’acconto sui compensi erogati ai dipendenti condominiali e ai lavoratori autonomi (professionisti, agenti, mediatori ecc.) che forniscono servizi al condominio;
  • tenere una contabilità specifica per i dipendenti condominiali (libro matricola e il libro paga relativamente al portiere);
  • quantificare le ritenute d’acconto sulle somme erogate;
  • versare le ritenute trattenute, a mezzo modello F24 all’amministrazione;
  • rilasciare ed inviare ogni anno, la certificazione unica relativa ai redditi corrisposti nell’anno precedente e presentare il modello 770 (dichiarazione prevista per i sostituti d’imposta);
  • limitare l’uso del contante nel saldo delle prestazioni soggette a ritenuta 4%;
  • in caso di lavori condominiali su cui è possibile applicare degli sgravi fiscali, deve provvedere alla pratica.

L’Agenza delle Entrate con la Circolare n° 7/A del 7 febbraio 2007, ha infine chiarito che: “Per il condominio con non più di quattro condomini, in mancanza della nomina di un amministratore, le ritenute dovranno essere effettuate da uno qualunque dei condomini” con la nuova riforma tale circolare è applicabile ai condomìni con massimo otto condomini.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.