Blog

Le spese di progettazione rientrano nelle detrazioni del Bonus verde

bonus_verde

La Legge di Bilancio 2018 (legge 27 dicembre 2017, n. 205) ha previsto per gli interventi di “sistemazione a verde”, una detrazione fiscale del 36% per le spese fino a 5.000€, sostenute nel 2018.

Rientrano nel bonus gli interventi riguardanti aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, gli impianti di irrigazione, la realizzazione di pozzi e di coperture a verde e di giardini pensili.

L’Agenzia delle Entrate specifica che anche le spese per la progettazione e manutenzione riguardanti gli interventi agevolati effettuati, rientrano nella detrazione.

Le spese degli interventi effettuati sulle parti comuni esterne degli edifici condominiali sono soggette alla detrazione del 36%, sempre su un limite massimo di 5.000€ per unità immobiliare ad uso abitativo. In questo caso al singolo condomino spetta la detrazione nel limite della quota a lui imputabile.

I pagamenti per gli interventi devono essere effettuati attraverso strumenti idonei che possono essere tracciati, come il bonifico bancario o postale, altrimenti non si può usufruire della detrazione, la quale è ripartita in dieci quote annuali costanti e di pari importo nell’anno di sostenimento delle spese e in quelli successivi.

Il legislatore ha previsto anche che:

  • La detrazione è ridotta del 50% se gli interventi sono realizzati su unità immobiliari residenziali adibite promiscuamente all’esercizio dell’attività commerciale;
  • Se gli immobili sono oggetto di vincolo culturale (secondo il Codice dei Beni Culturali) la detrazione è cumulabile con le agevolazioni già previste per questo tipo di immobili ed è ridotta nella misura del 50%;
  • Se l’unità immobiliare sul quale sono stati effettuati gli interventi viene venduta, la detrazione non utilizzata in tutto o in parte è trasferita per i rimanenti periodi di imposta, all’acquirente persona fisica, salvo diverso accordo delle parti. In caso di decesso del proprietario dell’immobile, la fruizione del beneficio fiscale si trasmette totalmente ed esclusivamente all’erede che conservi la detenzione materiale e diretta del bene.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *