Blog

Vediamo insieme come e cosa bisogna fare qualora un condomino faccia valere giustamente i sui diritti sulla gestione delle barriere architettoniche, come ad esempio l'integrazione condominiale di una pedana mobile.

Pedana mobile per disabili legge 104- come realizzarla in condominio?

pedana mobile per disabili legge 104

Pedana mobili per disabili legge 104, esistono bonus da utilizzare per sostenere i costi di condominio? Ci sono delle maggioranze perché la delibera condominiale abbia efficacia?

Vediamo insieme come e cosa bisogna fare qualora un condomino faccia valere giustamente i sui diritti sulla gestione delle barriere architettoniche, come ad esempio l’integrazione condominiale di una pedana mobile.

Partiamo quindi dall’analizzare se la legge 104 ci fornisce maggiori indicazioni in materia di pedane mobili condominiali e quali indicazioni ulteriori riesce a darci per gestire la situazione a livello condominiale:

Analizzando in dettaglio la legge, si rilevano die articoli molto significativi per il caso dell’abbattimento delle barriere architettoniche condominiali,

  • Articolo 8, inserimento ed integrazione sociale, afferma che risulta necessario contribuire ad interventi che assicurino un accesso facile e agevole ad edifici pubblici e privati, eliminando completamente o superando barrire fisiche o architettoniche di ostacolo nei luoghi
  • Articolo 24, eliminazione e superamento delle barriere architettoniche, che tratta in maniera generica delle modalità idonee al superamento delle barriere fisiche ed architettoniche.

Nella legislazione Italiana, a supporto dell’eliminazione delle barriere architettoniche troviamo anche una seconda legge, molto più esaustiva in termini di regole specifiche. Si tratta della legge 220 del 2017, nella quale si fa riferimento anche alla questione della pedana mobile condominiale.

A supporto oggi delle decisioni condominiali relative alla pedana mobile, facciamo riferimento all’articolo 1120 del codice civile, relativo alle innovazioni necessarie per l’abbattimento delle barriere architettoniche. Nell’articolo si fa riferimento alla maggioranza necessaria perché la delibera condominiale sia valida, in relazione all’inserimento di pedana mobile. I dichiara quindi che l’assemblea delibera con la maggioranza degli intervenuti, e almeno metà del valore dell’edificio.

Con la stessa maggioranza, l’assemblea può valutare e deliberare anche opere più onerose,che siano però rientranti nelle casistiche di abbattimento delle barriere architettoniche.

Cosa succede quando un singolo condomino si rifiuta di partecipare alle spese?

La legge vigente è chiara, se ci è la maggioranza di delibera, le spese per la creazione di strutture che permettano l’abbattimento di barriere architettoniche dovranno essere sostenute da tutti i condomini, anche da parte della minoranza che ha deliberato contro la spesa. Come tutte le spese condominiali queste spese vanno suddivise seguendo i millesimi posseduti da ciascun condomino, in proporzione.

 

Fa eccezione il caso citato dal Codice Civile nell’art. 1121, in relazione a “innovazione gravose o voluttuarie”, nel caso in cui l’innovazione, che in questo caso ad esempio possiamo considerare la pedana mobile, abbia un costo davvero oneroso, e non sia effettivamente necessario per il bene di un individuo o di una comunità di individui. In tal caso dunque il condomino singolo può essere esonerato dal contribuire alle spese qualora dichiari di non aver necessità di utilizzo dell’innovazione stessa e qualora ne dia dichiarazione tempestiva all’amministratore.

Cosa succede invece se la delibera di condominio non raggiunge la maggioranza?

Nel caso in cui l’assemblea non raggiungesse la maggioranza per deliberare la costruzione di una pedana mobile, il disabile può far valere i propri diritti, specificati nella legge 104 e procedere in autonomia nella costruzione della medesima, purché non sia di intralcio al passaggio di altri condomini. Può inoltre proibirne l’accesso e l’uso a tutti i condomini che non hanno contribuito alle spese.

 

In relazione alle agevolazioni fiscali non va poi dimenticato che le spese relative alla costruzione di pedana mobile o qualsiasi elemento che permetta il superamento di barriere architettoniche, sono detraibili al 50%,e la detrazione ovviamente ricade solo sui condomini che contribuiscono alla spesa totale. Nel caso in  cui sia solo un condomino a sostenere l’intera spesa, egli avrà diritto al 100% di detrazione.