Blog

Se un condomino si fa male a causa del ghiaccio su parti comuni: chi paga?

Neve e ghiaccio in condominio: ecco quando chiedere i danni

Quest’anno tutta Italia è stata colpita dal maltempo che ha portato temperature molto basse, precipitazioni nevose e gelo notturno. Queste condizioni atmosferiche portano alla formazione di ghiaccio sulle strade e inevitabilmente anche sulle parti comuni dei condomini, come cortili e vialetti.

In questi casi, a chi spetta l’onere di spargere il sale per evitare la formazione di ghiaccio? E se ciò non avvenisse e qualcuno si facesse male, su chi ricadrebbe la responsabilità?

L’azione di spargere il sale per terra, per evitare il formarsi di ghiaccio, rientra tra le operazioni di ordinaria manutenzione del condominio. Di conseguenza spetta all’amministratore, come portavoce del condominio, attivare il servizio di spalatura della neve e spargimento del sale.

Nel caso in cui un condomino cada a causa del ghiaccio, occorrerà fare un’analisi specifica dell’evento, valutando la condizione del terreno nonché l’attenzione e la condotta tenuta dalla persona danneggiata.

Il condomino danneggiato, se ritiene che sussista una responsabilità in capo al condominio, può formulare le proprie istanze, indirizzandole nella alla persona dell’amministratore. L’eventuale indennizzo richiesto dal condomino danneggiato e concesso in giudizio, verrà ripartito pro quota tra tutti gli altri condomini.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.